PRESEPE DI TASSO

I presepi dal 2000 al 2008

 

Natale 2008

Notte di Natale al fronte durante la prima guerra mondiale: alcuni soldati italiani e austriaci celebrano insieme la Notte di Natale in trincea, costruendosi il proprio umile presepe con semplicità e fede. Ambientato nelle Dolomiti del Cadore.



 

Natale 2007

Dedicato a Madre Teresa di Calcutta, rappresentata nell’atto di accogliere i bisognosi sulla soglia del suo centro, il presepe rappresentava l’India e la sua quotidianità: l’Himalaya innevata, le capanne d’argilla, il fiume con le barche, le risaie, la vegetazione rigogliosa. Gesù giaceva su un sari bianco bordato di blu.



 

Natale 2006

Palestina, I secolo d.C.: la Nascita, il Battesimo, la chiamata dei primi apostoli al Lago di Tiberiade, l’Ultima Cena, la Crocifissione, l’Ascensione al Cielo.



 

Natale 2005

In ricordo di Giovanni Paolo II: Piazza San Pietro e il panorama su Roma dalla Basilica.



 

Natale 2004

Diritti del bambino. Nel golfo di Genova la nave Mistral è pronta a far salpare i suoi progetti a favore dell’infanzia.



 

Natale 2003

Anno internazionale dell’acqua: Gesù nasce in un’oasi del deserto del Sahara.


 

 

Natale 2002

“Venite e vi farò pescatori di uomini”. La culla di Gesù è un gozzo sulla spiaggia davanti all’abbazia di San Fruttuoso di Camogli, i pescatori saranno i suoi primi apostoli.



 

Natale 2001

Gesù nasce su un letto di stelle alpine, in montagna, laddove è più semplice sentirsi vicini a Dio. Il presepe rappresenta il versante settentrionale della Marmolada, che scende verso il Lago di Fedaia.



 

Natale 2000

Gesù nasce sulla soglia della chiesetta di San Martino del Vento, distrutta da un incendio, che è simbolicamente alloggiata nella grotta di Padirac: una leggenda racconta che l’antro si sia formato a causa di una lotta in cui San Martino sconfisse il diavolo.




RITORNO ALLA PAGINA INIZIALE